Violent shit Andreas Schnaas i cinenauti recensioni film serie tv cinema

VIOLENT SHIT

VIOLENT SHIT
(Andreas SCHNAAS, 1989)

Violent Shit, ovvero quando un titolo è esso stesso metafora calzante del valore del prodotto. Un horror ultragore a bassissimo budget talmente brutto da essere diventato un cult. Un seriel killer con una mannaia gira per un bosco massacrando tutto ciò che trova.

Irish crime i cinenauti recensioni film serie tv cinema

IRISH CRIME

IRISH CRIME
(Da un’idea di Christian SCHILLER e Marianne WENDT, 2019)

Thriller tedesco si svolge nella pittoresca città di Galway, in Irlanda. Una psicologa specializzata in crimini si vede costretta a rientrare nella collaborazione con le forze dell’ordine quando, in una buca, emergono i resti del marito, misteriosamente scomparso anni prima.

Hooligans 1995 i cinenauti recensioni film serie tv cinema

HOOLIGANS (I.D.)

HOOLINGANS (I.D.)
(Phil DAVIS, 1995)

John, poliziotto nella Londra degli anni della violenza degli hooligans, viene scelto con altri tre colleghi per un’operazione speciale che prevede l’infiltrazione del gruppo nella firm dello Shadwell, squadra dei sobborghi londinesi nel cui stadio avvengono regolarmente incidenti gravissimi. Il protagonista si cala perfettamente nella parte, fino ad arrivare ad un punto in cui l’identificazione con la logica degli hooligans è totale.

La ragazza nella nebbia i cinenauti recensioni film serie tv cinema

LA RAGAZZA NELLA NEBBIA

LA RAGAZZA NELLA NEBBIA
(Donanto CARRISI, 2017)

‘La ragazza nella nebbia’ è l’esordio cinematografico dello scrittore Donato Carrisi, dal romanzo omonimo del 2015, ambientato in Trentino Alto Adige, in una zona di montagna e di frontiera, abitata da persone di lingua tedesca. La location si rivela immediatamente molto azzeccata, richiamando alla mente atmosfere e colori tipici dei thriller nordeuropei, ma più in generale ci si trova di fronte ad un noir ben dosato, che scorre piacevolmente per le sue oltre 2 ore di durata nonostante una trama forse un po’ troppo ingarbugliata. Non sorprendono quindi gli incassi di oltre 3 milioni di euro registrati in Italia, che purtroppo non sono stati confermati a livello internazionale, considerando anche che il film è stato penalizzato da una distribuzione estera abbastanza limitata..

Holy Motors i cinenauti recensioni film serie tv cinema

HOLY MOTORS

HOLY MOTORS
(Leos CARAX, 2012)

Un uomo (che riconosciamo essere il regista stesso) si alza da letto, apre una porta con una strana chiave, attraversa un corridoio buio e giunge al loggione di una sala cinematografica; stanno proiettando un film ma gli spettatori sono immobili, come addormentati. (…)

i cinenauti recensioni film serie tv cinema The house that jack built, La casa di Jack

THE HOUSE THAT JACK BUILT

THE HOUSE THAT JACK BUILT
(Lars VON TRIER, 2018)

Quando Lars Von Trier lo presentò al Festival di Cannès, nel maggio 2018, molti spettatori abbandonarono la sala a metà spettacolo indignati e disgustati. Lo stesso regista lo definì il suo film più violento. Nonostante io non ami usare la parola “capolavoro” per definire un film, non riesco a trovare un termine più consono per “The house that Jack built”, manifesto della libertà di espressione dell’arte.

i cinenauti recensioni film serie tv cinema Hagazussa

HAGAZUSSA – LA STREGA

HAGAZUSSA
(Lukas FEIGELFELD, 2017)

Hagazussa in alto-tedesco antico significa “strega” e ci è subito chiaro di cosa parla questa opera prima di Lukas Feigelfeld. Siamo di fronte ad un horror atipico che abbraccia diversi generi e ci regala un’esperienza visiva ed emozionale unica ed originale. Da molti avvicinato a The Witch per l’argomento trattato, restano, a mio avviso, due opere ben distinte.

i cinenauti recensioni film serie tv cinema Monster Hunter

MONSTER HUNTER

MONSTER HUNTER
(Paul W. S. ANDERSON, 2020)

Molto spesso il mondo del cinema trae ispirazione dall’universo dei videogames ed è questo il caso di Monster Hunter di Paul W. S. Anderson che porta sul grande schermo l’omonima saga della Capcom. Un gruppo di soldati si trova catapultato in un’altra dimensione e avrà il compito di salvare la Terra dall’attacco di mostruose creature.

i cinenauti recensioni film serie tv cinema Wetlands

WETLANDS

WETLANDS
(David WNENDT, 2013)

Figlia di genitori separati – una madre maniaca della pulizia nonchè fanatica religiosa e un padre un po’ “distante” – , Helen è una diciottenne piuttosto sui generis: in contrapposizione a questo contesto la ragazza sviluppa infatti un’idiosincrasia nei confronti dell’igiene intima, un atteggiamento irriverente nei rapporti con gli altri ed un’attitudine alla sperimentazione in campo sessuale; l’unica persona con la quale riesce a condividere questo stile di vita è la sua amica Corinna.